• slider

Articoli in evidenza

Francesco Nurra - Diario di un pazzo su Jazzquad

В 1834 году русский писатель Николай Гоголь написал «Записки сумасшедшего». В 1918 году китайский писатель Лу Синь написал «Записки сумасшедшего». В 2014 году итальянский музыкант Франческо Нурра выпустил альбом «Записки (или дневник) с...

12.04.2014
Leggi tutto

Francesco Cusa & "Vocal" Naked Musicians - Flowers in the Garbage su Jazzitalia

Il concetto di conduction è legato strettamente al modo di dirigere l'orchestra proprio di Butch Morris; con questo termine si intende significare una sorta di improvvisazione guidata dal gesto del direttore: non esistono partiture, né accordi fissati in precedenza. Si procede a braccio, in maniera estemporanea, seguendo le indicazioni mimiche o sceniche del bandleader. Francesco Cusa si lancia in questa sfida, decisamente...

06.04.2014
Leggi tutto

Focus on: Jazzit Fest part 2. Le note musicali di Agostino Convertino

Come promesso, il nostro inviato speciale Agostino Convertino ci ha scritto una panoramica su gli oltre 100 artisti che hanno colorato il Jazzit Fest. E’ inutile che mi dilunghi con ulterirori presentazioni, la sua bravura la conoscete già  Buona lettura!   Nato come evento open source, il JAZZIT-FEST ha vissuto anche una sua dimensione open content, sorta di azionariato artistico popolare tra appassionati,...

11.09.2013
Leggi tutto

Giorgio Distante - R. A. V. su Jazzitalia

Giorgio Distante esordisce con il suo primo disco da leader, in cui è protagonista quasi assoluto. Oltre a comporre i brani, infatti, suona la tromba, allestisce dei fondali elettronici, prepara stordenti basi percussive programmate al computer. Gli altri musicisti ospiti, fondamentalmente, sono utilizzati per aggiungere una coloritura timbrica in diversi frangenti ad un disegno complessivo ben definito nella testa, nelle intenzi...

09.06.2013
Leggi tutto

Korla trio - Because of Him su Kathodik

Korla Trio 'Because Of Him'
(Improvvisatore Involontario 2012)

Un catalogo di liquide complessità, “Because Of Him”.
Nebbiolina multicolore, morbida ed avvolgente.
Squilibrio jazz chitarristico, c'avvicina modalità davisiane e quadrature rock (rigogliose e post).
Per chitarra, contrabbasso, batteria ed un pizzico d'elettronica (Frank Martino, Luca Dal Pozzo, Andrea Grillini), ...

24.03.2013
Leggi tutto

Francesco Cusa & The Assassins - The Beauty and The Grace su Kathodik

The Assassins 'The Beauty And The Grace'
(Improvvisatore Involontario 2012)

Sferraglia che è una bellezza, questo nuovo trio di casa Improvvisatore Involontario.
Otto composizioni a firma Francesco Cusa (batteria), che si dipanano lungo un percorso, notturno/frenetico/nevrotico.
Molto figlio di questi tempi bastardi.
In modalità polemico/impertinente, con l'organo Hammond di Luc...

03.03.2013
Leggi tutto

Elenco recensioni su Musica Jazz fino al dicembre 2012

...

01.01.2013
Leggi tutto

Alza il volume - podcast

...

23.11.2012
Leggi tutto

Try trio - Sphere su Musica Jazz

  TRY TRIO «Sphere» Improvvisatore Involontario, distr. improvvisatoreinvolontario.com Almanacco del giorno dopo / Epistrophy / Storie di rumori e groove / B.S. Suck My Balls! / Monk’s Mood / Bye-Ya / Usque ad sidera, usque ad infernos / Amore e cilindri / In Walked Bud / I Mean You. Nicola Fazzini (sax), Gabriele Evangelista (cb.), Francesco Cusa (batt.). Ferrara, 3-11-12. La musica di Thelonious Monk è un punt...

..
Leggi tutto

Simone Sassu - Emoticons su Musica Jazz

  SIMONE SASSU: «Emoticons» (Improvvisatore Involontario, distr. improvvisatoreinvolontario.com). Si affacciano i volti emblematici di un John Cage o di un Frank Zappa in questa sorta di giornata attraversata dai suoni allestita dal pianista e compositore sardo. Assemblando materiali musicali di varia provenienza, accostando una scrittura tradizionale all’improvvisazione, sia sul versante acustico sia su quello elettrico-...

..
Leggi tutto

Vocal Naked Musicians su Musica Jazz

  FRANCESCO CUSA: «Vocal Naked Musicians» (Improvvisatore Involontario, distr. improvvisato- reinvolontario.com). Per questo suo curioso esperimento di conduction, Cusa ha scelto alcune delle voci più duttili e avventurose in circolazione: da Cristina Zavalloni a Marta Raviglia, da Vincenzo Vasi a Gaia Mattiuzzi, ha a disposizione quella che lui stesso definisce una fenomenale tavolozza di colori e suoni con cui gioc...

..
Leggi tutto

Gaia Mattiuzzi - Intervista su Jazzit novembre/dicembre 2013

...

..
Leggi tutto

Matteo Muntoni - Caravaggio su Jazz Quad

Matteo Muntoni - Caravaggio 27.11.2013
  В музыке вообще и в джазе в частности не редки случаи, когда в поисках вдохновения композиторы и исполнители обращаются к произведениям живописи. Вот и басист из Кальяри, Сардиния Маттео Мунтони в своем новом...

..
Leggi tutto

Francesco Cusa & The Assassins - The Beauty and The Grace su Jazz Quad

The Assassins - The Beauty And The Grace 05.11.2013
  Итальянскому композитору и барабанщику Франческо Кузе вполне можно присвоить титул «человека с тысячью лиц». The Beauty And The Grace – третий альбом, а The Assassins – третий проект Кузы, который мне довело...

..
Leggi tutto

Try Trio - Sphere su Jazz Quad

Try Trio - Sphere 03.11.2013
  Достаточно беглого взгляда на список произведений, включенных в программу этого проекта, чтобы понять: название альбома в очень малой степени связано с геометрической фигурой, изображенной на обложке. Sphere в данно...

..
Leggi tutto

Matteo Muntoni - Caravaggio su Kathodik

Matteo Muntoni 'Caravaggio'
(Improvvisatore Involontario 2013)

Un setoso insieme di composizioni, contrastate ed eleganti, questo è “Caravaggio”, del contrabbassista sardo Matteo Muntoni.
L'avevamo lasciato fluttuante, nel cupo e cinematografico spazio di “Nobody In K Space”.
E chiaroscurali passaggi, non vengon lesinati neanche in quest'opera, è soltanto la gamma delle...

..
Leggi tutto

Mauro Schiavone - Ufo su Kathodik

Mauro Schiavone 'Ufo'
(Improvvisatore Involontario 2013)

Un percorso espressivo, tracciato con mano ferma e leggera.
Questo è “Ufo”, del pianista Mauro Schiavone.
Accompagnato dal contrabbasso di Gabrio Bevilacqua e dalla batteria di Roberto Pistolesi (più in alcuni brani, la chitarra diFrancesco Guaiana ed il sax di Gaspare Palazzolo), Schiavone, espone un...

..
Leggi tutto

Tan T’Ien - The Fourth Door su Kathodik

Tan T’Ien 'The Fourth Door'
(Improvvisatore Involontario 2013)

Un feroce trio, piano/Rhodes, contrabbasso e batteria, formatosi più o meno da un anno e mezzo, durante una data estemporanea a Milano.
Dal battito teso e circolare, in continua fase di accatastamento/smontaggio materiali.
Un mantra ad azione stritolante, che s'accende fluido e scorrevole, per spezzarsi rapidissimo in fasi incespicanti da sob...

..
Leggi tutto

Matteo Marongiu - Open Letter to Mingus su Jazz Quad

Matteo Marongiu - Open Letter to Mingus 21.09.2013
  В 1959 году американский басист Чарли Мингус выпустил альбом Mingus Ah Um, который многие относят к его лучшим работам. Альбом в целом выглядел трибьютом Чарли своим учителям, почти каждая пьеса в нем была свя...

..
Leggi tutto

Massimo Spano / Rural Electrification Orchestra - The Sleepwalker su Jazz Quad

Massimo Spano / Rural Electrification Orchestra - The Sleepwalker 18.09.2013
  Джаз итальянских островов – так можно охарактеризовать этот альбом. Массимо Спана, басист и композитор, - живет и работает в Кальяри, на острове Сардиния, а издан The Sleepwalker, уже второй аль...

..
Leggi tutto

Forthcoming Trio - Tree Forms su Jazz Quad

Forthcoming Trio - Tree Forms 14.09.2013
  Итальянский ансамбль Forthcoming Trio приобрел тот вид, в котором он представлен на альбоме Tree Forms, когда к уже работавшим вместе до этого пианисту Томмазо Веспо и барабанщику Антонио Лонго присоединился опытный ба...

..
Leggi tutto

Gaia Mattiuzzi - Laut su Jazz Quad

Gaia Mattiuzzi - Laut 11.09.2013
  Впервые услышав молодую итальянскую певицу Гайю Матиуцци в составе ансамбля "Vocal" Naked Musicians в весьма авангардном а-капелльном проекте Flowers in the Garbage, я ожидал от ее сольного альбома Laut (второго в карьере) чего-то под...

..
Leggi tutto

Francesco Cusa & "Vocal" Naked Musicians - Flowers in the Garbage su Jazz Quad

Francesco Cusa & "Vocal" Naked Musicians - Flowers in the Garbage 08.09.2013
  Так уж сложилось, что контакты нашего сайта с итальянским джазом до сих пор были связаны в первую очередь с музыкантами и лейблами с севера Апеннин. И вот, в виде нескольких альбомов, - пе...

..
Leggi tutto

Gaia Mattiuzzi - Sconfinati Suoni (Lodi)

...

..
Leggi tutto

Gaia Mattiuzzi - Laut su Musica Jazz

...

..
Leggi tutto

Gaia Mattiuzzi - Laut su Alias

...

..
Leggi tutto

Gaia Mattiuzzi - Laut su Rockerilla

Avete presente un bicchiere di acqua fresca quando la sete della canicola estiva sta per uccidervi? Bene, album come questo rappresentano nel desolante panorama dell’irritante jazz fischiettabile italiota (e non solo) una vera oasi di intelligenza creativa. Attingendo a piene mani dalle esperienze più nobili europee e non solo, in un melting tra jazz, classica, art rock (in certi momenti viene la pelle d’oca quanto simile ...

..
Leggi tutto

Try trio - Sphere su Rockerilla

“La musica di Monk è in continua evoluzione, in perpetuo movimento”. Bello quanto vero questo concetto espresso dall’instancabile pioniere Francesco Cusa nelle note di copertina. Un album questo, finalmente, che getta nuove speranze per un jazz italiano troppo spesso adagiato su ciarpame d’intrattenimento che assai poco ha a che vedere con l’essenza della musica jazz.
Un alternarsi intelligente di composi...

..
Leggi tutto

Gaia Mattiuzzi - Laut su Jazzrytmit

Laut Improvvisatore  Involontario Records II 0036   Italialainen laulajatar Gaia Mattiuzzi oli ainakin minulle täysin uusi tuttavuus ennen kuin sain hänen uusimman levynsä, Laut, käsiini. Käytännössä en tiennyt hänestä yhtään mitään. Hän onkin omalla tavallaan laulun alalla ”outo lintu”. Hän on tuttuun tapaan aloittanut pianonso...

..
Leggi tutto

Miglior nuovo talento Musica Jazz 2013

...

..
Leggi tutto

Tan T’Ien - The Fourth Door su Jazzrytmit

The Fourth Door Improvvisatore Involontario Records II0031   Merkillisen kiinalaisen nimen saanut trio Tan T’ien koostuu kolmikosta pianisti, Luca Dell’Anna, kontrabasistiIvo Barbieri ja rumpali Francesco Cusa.  Nimi viittaa tutkintaan, missä kehon energiapisteiden ristiriitaisten vuorovaikutussuhteiden syntymistä pyritään selvittämään suhteessa meditoinnin aikai...

..
Leggi tutto

Matteo Marongiu - Open Letter to Mingus su Jazzrytmit

Open Letter to Mingus Improvvisatore Involontario Records II0034   Mingusin hengessä on syntynyt viime vuosina paljon erilaisia äänitteitä. Osa on suoraan alkuperäisistä Charles Mingusin kappaleista uudelleen sovitettuja, mutta on myös kokonaan uutta tuotantoa, millä kunnioitetaan Mingusin monipuolisen erinomaista ja voisiko sanoa vallankumouksellisen haastavaa musiikkia. Yksi tällainen haastee...

..
Leggi tutto

Mauro Schiavone - Ufo su Jazzrytmit

Ufo Improvvisatore  Involontario Records II 0032   Pianisti Mauro Schiavone on opiskellut sävellystyötä Trapanin konservatoriossa ja pianon soittoa Palermon konservatorioissa, joista molemmista hän on valmistunut korkein arvosanoin. opiskeluaikanaan  hän osoitti kiinnostusta moniin eri musiikin suuntauksiin muiden muassa erityisesti myös jazziin. Hänet on myös palkittu monissa pi...

..
Leggi tutto

Matteo Muntoni - Caravaggio su Jazzrytmit

Caravaggio Improvvisatore Involontario Records II 0033   Barokin aikakauden taidemaalareihin lukeutuva Michelangelo Merisi oli tunnettu mestarillisista valojen ja varjojen käytöstä. Hän kuvasi myös ihmiskehoa, erityisesti lihaksistoa taidokkaasti.  Italialainen basisti Matteo Muntoni kiinnostui visuaalisesta taiteesta ja maalauksista, varsinkin Merisin työt innoittivat häntä säve...

..
Leggi tutto

Matteo Muntoni - Caravaggio su Rockerilla

Caravaggio Improvvisatore involontario   Un capolavoro scoperto per caso. Grazie ancora una volta ai tipi dell’Improvvisatore Involontario che davvero rappresentano una speranza per la nuova musica italiana. Nelle belle note di copertina, Paolo Fresu scrive – in sostanza – che questo album è una perla nel panorama del jazz italiano. Sulla perla non vi è dubbio, ma definire jazz questa intelligenza composit...

..
Leggi tutto

Gaia Mattiuzzi - Laut su Rockerilla

Laut Improvvisatore volontario   Avete presente un bicchiere di acqua fresca quando la sete della canicola estiva sta per uccidervi? Bene, album come questo rappresentano nel desolante panorama dell’irritante jazz fischiettabile italiota (e non solo) una vera oasi di intelligenza creativa. Attingendo a piene mani dalle esperienze più nobili europee e non solo, in un melting tra jazz, classica, art rock (in certi momenti vien...

..
Leggi tutto

Forthcoming Trio - Tree Forms su Rockerilla

Tree Forms Improvvisatore Involontario   Ho sempre pensato che il trio sia una delle forme migliori per esprimere musica, in ogni genere. Questo disco di jazz contemporaneo vede la classica formazione basso (Alessandro Vicard), piano (Tommaso Vespo) e batteria (Antonio Longo) percorrere strade immagnifiche tra improvvisazione e canoni, verso quel jazz che a noi piace poiché sfugge l’ovvio, il prevedibile e il miope ma sa fare...

..
Leggi tutto

Try trio - Sphere su Rockerilla

Sphere
Improvvisatore Involontario   “La musica di Monk è in continua evoluzione, in perpetuo movimento”. Bello quanto vero questo concetto espresso dall’instancabile pioniere Francesco Cusa nelle note di copertina. Un album questo, finalmente, che getta nuove speranze per un jazz italiano troppo spesso adagiato su ciarpame d’intrattenimento che assai poco ha a che vedere con l’essenza della musica...

..
Leggi tutto

Gaia Mattiuzzi - Laut su Jazzconvention

Improvvisatore Involontario - II0036 - 2013 

Gaia Mattiuzzi: voce
Fabrizio Puglisi: pianoforte
Cristiano Calcagnile: batteria, live electronics
Stefano Senni: contrabbasso


Da Brecht a Steve Lacy e Mal Waldron, passando per le tradizioni sefardite, Charles Baudelaire, Nina Simone, Rabih Abou Khalil, Aaron Copland e Emily Dickinson e, naturalmente, un paio di brani originali firmati da Fabrizi...

..
Leggi tutto

Gaia Mattiuzzi - Laut su La Luna di Alfonso

Perfetta impostazione che sa di studio serio e “classico”, ammirevole controllo dell’emissione, timbro da soprano e una vocalità che spazia in uno spettro assai ampio, Gaia Mattiuzzi firma il suo primo disco da leader con l’energetico avvio diBettellied, che suona come omaggio a Dagmar Krause (o agli autori Brecht e Eisler, a piacimento). Si prosegue poi per sentieri diversi, ora chiari e lineari, do...

..
Leggi tutto

Gaia Mattiuzzi - Laut su chat5stelle

2013-12-07 – Gaia Mattiuzzi voce
alfonso Santimone pianoforte
Cristiano Calcagnile batteria percussioni live elettronics avete presente un bicchiere di acqua fresca quando la sete della canicola estiva sta per ervi Bene al come questo rappresentano nel desolante panorama dellirritante jazz fischiettabile italiota (e non solo) una vera oasi di intelligenza creativa attingendo a piene mani dalle esperienze piu’ ili europee e...

..
Leggi tutto

Gaia Mattiuzzi - Laut su Arte e Arti

“LAUT”, DICHIARAZIONE DI IDENTITÀ Jazz di Ferdinando D'Urso // pubblicato il 29 Settembre, 2013 In "Laut", pubblicato nel maggio 2013 da Improvvisatore Involontario, Gaia Mattiuzzi dichiara a voce alta, come suggerisce il titolo, l'identità culturale di un'artista dalla salda preparazione classica - lo si capisce dall'ottimo controllo tecnico della voce - ed europea, introdottasi a buon diritto nel mondo...

..
Leggi tutto

Gaia Mattiuzzi - Laut su Jazz Pages

Improvvisatore Involontario, ii 0036   Ihre Stimme setzt die Sängerin Gaia Mattiuzzi wie ein komplettes Theater-Ensemble ein. Sie singt, scattet, flüstert, spricht mal allein, mal mit sich selbst im Duo. Sie schmachtet im nahöstlichen Folk, schraubt ihren Gesang im oft vorherrschenden Belcanto in ungeahnte reine Höhen. Sie explodiert in Kehlkopfakrobatik. Die Italienerin Gaia Mattiuzzi ist ohne Zweifel eine der besten u...

..
Leggi tutto

Gaia Mattiuzzi - Laut su Jazz Quad

Gaia Mattiuzzi - Laut 11.09.2013
  Впервые услышав молодую итальянскую певицу Гайю Матиуцци в составе ансамбля "Vocal" Naked Musicians в весьма авангардном а-капелльном проекте Flowers in the Garbage, я ожидал от ее сольного альбома Laut (второго в карьере) чего-то под...

..
Leggi tutto

Try trio - Sphere su La Luna di Alfonso

Improvvisatore Involontario – 2013 “Sphere”, un titolo immediato ed eloquente per il Try Trio, che qui si mette in gioco con una rilettura personale di alcune delle celebri pagine del grande Monk, alternandole con proprie composizioni istantanee. Vista la premessa e il nome dell’etichetta sembra un’ovvietà, ma occorre dirlo: l’approccio è essenzialmente improvvisativo, i materiali...

..
Leggi tutto

Matteo Marongiu - Open Letter to Mingus su Jazz Convention

Il non ancora trentenne contrabbassista sardo Matteo Marongiu si mette sulle tracce di un grande del jazz moderno, Charles Mingus, per un omaggio a tutto tondo. 
Open letter to Mingus fa il verso al famoso brano che omaggiava il grande Duke Ellington (Open letter to Duke, tratto dall'album Mingus Ah Um del 1959). 
L'impresa, ardua e coraggiosa, è sicuramente encomiabile è in parte riuscita. Il progetto evita di s...

..
Leggi tutto

Mauro Schiavone - Ufo su Jazz Convention

Ufo, un titolo onomatopeico, autoriflessivo, su una musica, quella di Schiavone, che fin ad oggi lui stesso ha definito un oggetto non identificato, un insieme di entità senza nome e forme definite. Un qualcosa che viene dall'irrazionale, nasce dall'istinto e che come un mutante cambia continuamente forma. Ma Ufo è anche un lavoro esorcizzante, perché in questo disco le forme ci sono, hanno dei contorni e le idee di Schiavone...

..
Leggi tutto

Try trio - Sphere su Jazz Convention

Nell'ambito delle formazioni pianoless-sax trio, sono stati registrati grandi passaggi di contributo e ricerca formali da parte di aggregazioni storiche quali, per massima sintesi, il Trio 3 o il meno stagionato Fly (e ci terremmo a ricordare, fra i molti, la recente e mai troppo celebrata esperienza da brivido di Turner-Andersen-Vinaccia) : ma dalle prime impressioni d'ascolto il presente Try Trio può proporsi per la maturità forma...

..
Leggi tutto

Massimo Spano / Rural Electrification Orchestra - The Sleepwalker su Jazz Convention

Sin dalle prime note di Green Street, il brano che apre The Sleepwalker, la Rural Electrification Orchestra si getta in un turbine sonoro irrequieto e spericolato: senza guardare nè a destra nè a sinistra, la formazione guidata da Massimo Spano, si infila nel suo percorso e attraversa generi e attitudini musicali con una buona dose di spavalderia. Il rock più sanguigno incontra le propaggini del jazz newyorchese odierno:...

..
Leggi tutto

Tan T’Ien - The Fourth Door, su Jazz Convention

Cimentarsi nel piano trio è diventata una sfida sempre più caparbia e irraggiungibile, è difficile scovare ancora qualcuno che, nell'attuale panorama del jazz contemporaneo, abbia ancora qualcosa da dire. Ultimamente il pianismo scandinavo ha introdotto una nuova tendenza, creando fin troppi epigoni, proponendo una rielaborazione del classico piano trio introducendo tempi mutuati dal rock e un uso dell'elettronica misurato: u...

..
Leggi tutto

Gaia Mattiuzzi - Laut su Jazz Convention

Da Brecht a Steve Lacy e Mal Waldron, passando per le tradizioni sefardite, Charles Baudelaire, Nina Simone, Rabih Abou Khalil, Aaron Copland e Emily Dickinson e, naturalmente, un paio di brani originali firmati da Fabrizio Puglisi e Cristiano Calcagnile. 
La voce di Gaia Mattiuzzi conduce l'ascoltatore in Laut attraverso tante maniere di intendere la musica di ricerca, per volere usare una sola definizione. Ricerca intesa secondo le va...

..
Leggi tutto

Matteo Muntoni - Caravaggio su Jazz Convention

La copertina riprende un disegno giovanile di Caravaggio. È una figura minacciosa di un uomo armato di coltello. Più al centro sono rappresentati capelli costituiti da serpi, probabilmente tratti da uno studio su un particolare di uno dei quadri più famosi di Michelangelo Merisi, La medusa. 
Poste queste premesse e osservato il titolo del disco, si può pensare ad una musica contrastata con luci vivaci e ombre...

..
Leggi tutto

Matteo Marongiu - Open Letter to Mingus su Musica Jazz

MATTEO MARONGIU: «Open Letter To Mingus» (Improvvisatore Involontario, distr. Improvvisatoreinvolontario.com). Il contrabbassista sardo firma un album di composizioni originali dedicato globalmente a Mingus. Il leader fa uso di differenti organici e climax espressivi, cosicché al trio base con il flautista Daniele Pasini e il batterista Roberto Migoni si aggiungono in cinque pezzi i sassofoni di Stefano D’Anna e in tre un...

..
Leggi tutto

Mauro Schiavone - Ufo su All About Jazz

The amalgamated form of a fully integrated jazz trio is thing of beauty. A united ensemble finds each note played by the pianist somehow anticipated by bass and drums. When said trio is primed even for improvised passages, then the performance is something special. 

Perhaps pianist Mauro Schiavone's trio record should have been titled "ESP" instead of UFO. 

The disc contains five trio pieces, three with the ad...

..
Leggi tutto

Laut e Caravaggio su Contattoradio

Misterioso: 18 gennaio 2014 Scritto da Redazione WEB    Sabato 18 Gennaio 2014 18:48    Playlist - Misterioso 1 - june tabor.iain bellamy.huw warren - quercus -lassie lie near me; 
2 - gilad hekselman - hearts wide open - brooze; 
3 - gaia mattiuzzi - laut - prospectus (steve lacy); 
4 - matteo muntoni - caravaggio - i bari; 

..
Leggi tutto

Improvvisatore Involontario su Battiti Radio 3

MILT JACKSON, Boogity Boogity, da “Plenty, Plenty Soul” – Poll Winners Records PWR 27301
KRONOS QUARTET, Little Blue Something, da “Aheym. Kronos Quartet Plays Music By Bryce Dessner” – Anti- 7296-2
LA 1919, Senza tregua, da “Mutazione. Italian Electronic & New Wave Underground 1980-1988” – Strut STRUT110CD
LUCRECIA DALT, Volavérunt, da “Syzygy” - Human Ea...

..
Leggi tutto

Simone Sassu - Emoticons su Jazzit

...

..
Leggi tutto

Vocal Naked Musicians su Jazzit

...

..
Leggi tutto

Francesco Cusa & The Assassins - The Beauty and the Grace su Musica Jazz

...

..
Leggi tutto

Giorgio Distante - R. A. V. su Musica Jazz

...

..
Leggi tutto

Korla trio - Because of Him su Musica Jazz

...

..
Leggi tutto

Try trio - Sphere su Jazz Colours

TRY TRIOSPHERE(Improvvisatore Involontario - 2013) L’infaticabile Francesco Cusa pare qui dominare la musica del Trio che invece, correttamente, si propone a nome collettivo. Compagni di viaggio sono Gabriele Evangelista, contrabbassista dal suono scuro e granitico, e Nicola Fazzini, con- tralto dalla voce efebica e smagrita, cui è affi- dato il ruolo, qui pressoché paradossale, di cantore. Il Trio ha nell’improvvisazio...

..
Leggi tutto